“Come mio papà”: mandateci le vostre storie di stadio sulla Sampdoria

La memoria storica è l’unica cosa che può renderci immortali. I tempi sono cambiati, quelli d’oro sono lontani. La tecnologia e la multimedialità del mondo ci hanno dato l’illusione di poter archiviare tutto, di poter fare video e foto per non dimenticarci i momenti importanti. Abbiamo smesso di allenare la memoria e il rischio è quello di perdere i ricordi più belli, quelli che ci sono stati raccontati.

L’amore per la Samp vive anche nelle storie che non abbiamo mai ascoltato, nelle partite che non abbiamo mai visto, nelle feste che non abbiamo vissuto e nelle delusioni che non abbiamo sofferto. Ecco perché abbiamo deciso di dedicare uno spazio intero alla memoria. Chiedete ai vostri papà, ai vostri zii e ai vostri nonni di raccontarvi qualche aneddoto blucerchiato del passato: una partita in particolare, una trasferta indelebile, una storia che solo chi l’ha vissuta può raccontare.

Inviateci le vostre memorie blucerchiate in qualche riga (max 1000 battute) e condividiamole insieme.

Scrivici una mail

Mandaci un messaggio su Fb

Mandaci un tweet

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.