L’aneddoto di Luca Vialli su Vujadin Boskov

NEWSCALCIOMERCATOGIOCHICURIOSITA‘ – STORIACLASSIFICACALENDARIOSHOP

Il premio a Gianluca Vialli in occasione del Candido Day di Gazzetta è stato anche l’occasione per qualche anedotto sui tempi d’oro della Sampdoria. L’ex numero 9 blucerchiato ha raccontato anche particolari del suo rapporto con il grande Vujadin Boskov: “Lui voleva che giocassimo un calcio semplice, voleva un calcio avventuroso e spontaneo, forse senza tutte quelle conoscenze che poi avremmo acquisito con gli anni”.

I punti forti di Vuja però resistono ai ricordi: “Ci preparava in maniera straordinaria dal punto di vista fisico e psicologico. Stiamo parlando di ragazzi giovani, immaturi e spesso inesperti. Gli siamo tutti riconoscenti.” Infine Vialli ha rivealto la nascita del soprannome “Cervo che esce di foresta”, da tutti associato a Ruud Gullit: “Avevo problemi con la fidanzata di allora,  un giorno mi invitò a casa sua e mi disse: ‘Quando esci dallo spogliatoio, sembri cervo che esce di foresta’.

Leggi anche

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.