Sampdoria – Inter, gli ex della sfida

NEWSCALCIOMERCATOGIOCHICURIOSITA‘ – STORIACLASSIFICACALENDARIOSHOP

Altra sconfitta per la Samp, che perde a Firenze per 2-1. Il prossimo impegno sarà tutt’altro che semplice, con i blucerchiati che affronteranno sabato 28 settembre alle 18 la capolista Inter allo stadio Luigi Ferraris.

Sono 6 gli ex della partitadue nella rosa doriana e 4 in quella nerazzura. Ecco chi sono:

Murillo (Sampdoria): il colombiano arriva all’Inter nel luglio del 2015 dal Granada per 9 mln di euro. Rimane nella società nerazzurra per due stagioni totalizzando 69 presenze e 3 reti e il record del campionato 2015/16 come giocatore più espulso con 3 rossi. Nell’estate del 2017 passa al Valencia in prestito biennale con obbligo di riscatto, con cui rimane fino al gennaio 2019 per poi passare in prestito per 6 mesi al Barcellona con il quale scende in campo per sole 4 partite. Passa alla Sampdoria nel luglio del 2019 in prestito con obbligo di riscatto.

Bonazzoli (Sampdoria): l’attaccante classe ’97 è cresciuto nelle giovanili dell’Inter, facendo il suo esordio in prima squadra a 16 anni in Coppa Italia. Nell’estate del 2015 passa alla Sampdoria, che lo gira poi in prestito a Virtus Lanciano, Brescia, Spal, Padova. Torna alla Samp nell’estate 2019 rimanendo in rosa come vice Quagliarella, segnando la sua prima rete in serie A nella sconfitta con la Fiorentina per 2-1.

Berni (Inter): l’attuale terzo portiere nerazzurro ha un passato blucerchiato, seppur brevissimo. Cresciuto nelle giovanili di Fiorentina ed Inter, le uniche squadre che gli hanno offerto un posto da titolare nella sua carriera sono state Ternana e Salernitana. Dopo pochissime presenze nella Lazio e nello Sporting Braga arriva a Genova nel 2012 come terzo portiere alle spalle di Romero e Da Costa. In blucerchiato scende in campo 3 volte, e a fine anno con il contratto in scadenza lascia la Samp.

Padelli (Inter): cresciuto nelle giovanili di Lecco e Como, dopo il fallimento di quest’ultima viene acquistato dalla Samp nel 2004, entrando a far parte della Primavera. Viene convocato qualche volta in prima squadra senza scendere mai in campo, per poi essere prestato a Pizzighettone, Crotone, Liverpool, Pisa, Avellino e Bari. Nel 2011 viene ceduto prima in prestito e poi a titolo definitivo all’Udinese.

Skriniar (Inter): lo slovacco è uno dei migliori difensori (e calciatori) che abbia militato nella Sampdoria negli ultimi anni. Dopo la trafila nelle giovanili dello Zilina entra a far parte della prima squadra, con cui rimane dal 2012 al gennaio del 2016, quando passa a titolo definitivo alla Samp. Dopo i primi 6 mesi di ambientamento con sole 3 presenze, nella stagione 2016-17 diventa assoluto protagonista, nonostante un inizio di campionato complicato, con 35 presenze e prestazioni di alto livello grazie anche agli insegnamenti del tecnico Giampaolo. Il 7 luglio 2017 passa all’Inter a titolo definitivo per il cartellino di Caprari più soldi.

Ranocchia (Inter): il difensore cresce nelle giovanili dell’Arezzo venendo acquistato in comproprietà dal Genoa che lo cede in prestito al Bari, dove assieme a Bonucci forma una delle migliori coppie difensive della serie B 2008/09. Dopo 16 presenze in rossoblu passa all’Inter, dove rimane per 6 stagioni con alterne fortune. Nel gennaio del 2016 passa in prestito per 6 mesi alla Sampdoria, su richiesta del tecnico Montella. In blucerchiato scende in campo per 14 volte con un rendimento ben al di sotto della sufficienza per fare poi ritorno all’Inter a fine prestito.

Leggi anche

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.