Di Francesco: “Mi auguro che quello che ho dato alla squadra sbocci”

NEWSCALCIOMERCATOGIOCHICURIOSITA‘ – STORIACLASSIFICACALENDARIOSHOP

Vigilia di campionato per la Sampdoria, che sabato 5 ottobre sfiderà allo stadio Bentegodi alle ore 18 l’Hellas Verona di Juric. Di Francesco in vista della trasferta della 7^ giornata parla in conferenza stampa, presentando la sfida:

«La squadra ha lavorato bene durante la settimana ma ci sono altri aspetti che determinano la gara. Abbiamo lavorato a livello difensivo e offensivo e mi auguro che domani venga messo in campo. E’ fondamentale approcciare la gara nella maniera giusta ma metterla come partita della vita può essere un errore. Deve giocata con grandissima applicazione».

«Il Verona però ha fatto un ottimo avvio di campionato disputando ottime partite. Sappiamo di affrontare una squadra dove tecnicamente abbiamo qualcosa in più ma a livello fisico e di temperamento possono avere qualcosa in più. Un allenatore indovina o sbaglia le scelte ma le compie perchè pensa che sono i giocatori più adatti a quella partita. Poi per me le prestazioni sono importanti per la crescita dei giocatori»

«Prendere gli avversari alti è una mia idea di gioco, mi dispiace non vederlo applicata. Un allenatore indovina o sbaglia le scelte ma le compie perchè pensa che sono i giocatori più adatti a quella partita. Poi per me le prestazioni sono importanti per la crescita dei giocatori. Io devo dare il meglio di me stesso, mi auguro che quello che ho dato alla squadra sbocci».

Sugli infortunati: «Maroni non è ancora convocato, tornerà dopo la sosta. Gabbiadini si è allenato con la squadra e potrebbe giocare durante la partita mentre si sono fermati Thorsby e Linetty, che ha subito uno stiramento. La squadra ha dimostrato di stare bene fisicamente, ha corso ma deve correre bene per fare prestazioni di un certo tipo».

Sul capitano: «Fabio è il primo a sentirsi responsabilizzato della situazione in classifica. La voglia c’è e questa settimana ha lavorato come non mai ma, al di là dei gol che sono fondamentali, deve dare un contributo generale ai compagni. E’ normale che è una stagione differente, ha un anno in più, bisogna tirarsi su le maniche tutti insieme a cercare di fare meglio».

 

Leggi anche

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.